HOME PAGE EDITORIALE NOTIZIE FLASH APPROFONDIMENTO RIVISTA IN PDF
15 marzo 2017
IL SINDACO DI BARI ANTONIO DECARO SOSTIENE L'INIZIATIVA DELL'ANMIC BARI PER I PARCHEGGI PER DISABILI
Parcheggi pubblici riservati ai disabili, non si ferma la crociata dell’ANMIC Bari, che ottiene il sostegno del sindaco di Bari, Antonio Decaro.
Il primo cittadino ha infatti recepito la richiesta del presidente provinciale dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi civili, Michele Caradonna, dando disposizione agli uffici affinché provvedano all’attuazione della norma (Dpr 151/ 2012) in tutti i parcheggi pubblici e privati. 
Tutto nasce dalla richiesta inviata sempre da Caradonna  alla società Aeroporti di Puglia, circa la corretta gestione dei posti riservati alle persone diversabili (in possesso del contrassegno “Cude”), alle quali, sempre in base alla legge, spetta di poter parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu qualora gli stalli riservati siano occupati. L’Apcoa (gestisce i parcheggi per conto di Adp) ha replicato che pur non applicando la norma (la disposizione spetta al Comune), di fatto la rispetta, mettendo a disposizione dei possessori di contrassegno “Cude” un numero di stalli previsti ben maggiore della previsione di legge, con la  massima disponibilità in caso di necessità. 
Al presidente Anmic Bari non è però bastato e ha chiesto ufficialmente al sindaco di  applicare la suddetta norma. «Attendo con gioia quest’altro piccolo passo di civiltà e rispetto che la compirà la nostra amministrazione - afferma Caradonna -, tra l’altro sarebbe impensabile che una città metropolitana qual è Bari non recepisca un atto così importante per le persone disabili». E conclude, scongiurando ogni polemica con Adp. "E' è un diritto che non deve essere elemosinato, ma semplicemente sancito attraverso una modifica dell’art. 5 del regolamento di parcheggio dell’aeroporto».


GRUPPO CARADONNA
Copyright 2017
www.bariracconta.it - testata giornalistica online registrata al Tribunale di Bari, n° 1476 del 19.07.2000
Direttore Responsabile Michele Caradonna


Web Made In Italy